venerdì 28 settembre 2007

Sull'inutilità della foto di Toscani

“Urgenza” mi fa pensare subito a una scena di un episodio di E.R., concitata, con il medico e gli infermieri che corrono per riversare in un tempo molto breve parte delle loro conoscenze su un uomo che sta rischiando la vita, per salvargliela.
E a una conversazione di qualche anno fa con A.P., un mio ex docente. Stavamo parlando di Martin Buber e di come, nolenti, il significato di responsabilità non sia poi così cambiato nel tempo. Tirò fuori la parola “urgenza” raccontandomi di un suo viaggio a Grosseto. Stava raggiungendo il Duomo: ci si arriva tramite una stradina stretta e buia (sembra senza uscita, anch'io ci sono stata e mai ti aspetteresti che di lì a poco ti si apra davanti una piazza e una chiesa gotica). Quando lo vedi provi per un attimo quella sensazione di meraviglia che si sente davanti alle cose che non hai mai visto prima o che ti piombano addosso inaspettate (la Chiara al cinema per il suo primo film o il mio primo tasso davanti a casa l'anno scorso). Te la godi quella sensazione, non puoi fare altro. Non c'è altro da fare.
Eppure A.P. si ricorda di come alcune persone, invece di godere responsabilmente, presero la loro macchina fotografica e scattarono foto. Guardare prima di osservare. Guardare e basta.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

non la pensiamo allo stesso modo su questa campagna.Poco male, nascerà il confronto, come sempre.La foto di un corpo emaciato, al di là delle ragioni economiche sottostanti che per una volta vorrei tralasciare, testimonia.Apre gli occhi.Ti sbatte davanti la realtà.Serve l'impatto per certe cose.La meraviglia che diventa,un attimo dopo, consapevolezza.g

cristianaeffe ha detto...

Non ne facevo una questione economica. Nemmeno ci pensavo. E' solo l'impressione che ho avuto davanti a quella foto. A me non ha aperto gli occhi. L'impatto ce l'ho quando vedo quello stesso corpo dentro un abito di Roberto Cavalli.

Leila ha detto...

You write very well.